/b/ - Random

Nome
Email
Oggetto
Commento
File
Password (Per rimozione del file)
Limiti: Caratteri: 5400
Numero massimo file: 6
Upload massimo supportato: 10MB

Vai in fondo ] [ Torna ] [ Catalogo ]  — 


File: 1617314598953.jpeg (878.43 KB, 1444x963, gmi294.jpeg)

 No.4946

fucine di negri, /b/. Parliamone
Qualche anno fa ho lavorato in un resort in Mozambico, mi davano alloggio e cena, una stanza dignitosa tutta per me ma la colazione e il pranzo dovevo pagarmeli io. Mai capito perché di questa cosa. Comunque i miei colleghi pagavano per mangiare dentro l'albergo o nei bar sulla spiaggia, quelli per turisti, o nei locali di altri alberghi. Io per risparmiare mangiavo il loro cibo, il cibo dei negri, in alcune luride baracche allestite per smerciare alimenti e cibi pronti, e permettere quindi alla vita negra di prosperare. Non era male, di solito prendevo spiedini di carne pieni di mosche che però chiedevo di ripassare sulla brace finché non diventavano semi-carbonizzati; come contorno dei panini imbottiti con delle polpette di fagioli e cipolle fritte in olio nero da tanto era riutilizzato… credo usassero lo stesso pentolone per una settimana intera almeno. Spendevo l'equivalente di 80centesimi di euro per tutta quella roba. Quando mi alzavo dal tavolino ero pieno da esplodere e tiravo fino a cena dove potevo nuovamente ingozzarmi nel buffet dell'albergo, gratis. Mi portavo anche dei boccioni da 5 litri che riempivo di birra alla spina o altre bibite mentre i clienti mi guardavano con un'aria di stupore mista a disprezzo

Ho visto cani, gatti e scimmie, pieni di croste e spelacchiati che giravano per le catapecchie dove vivevano i negri; mucche e capre che pascolavano liberamente in mezzo a depositi di rifiuti d'ogni genere, compresi cumuli di plastica dati alle fiamme (bruciavano tutto il giorno), dei quali si cibavano. Il latte delle suddette bestie poteva essere acquistato di giorno in bottiglie di plastica senza etichetta, in bella vista davanti a qualche alimentari locale, con scritto COW-GOAT MILK. Ovviamente non refrigerate ed esposte costantemente alla luce diretta del sole cocente subequatoriale. L'ho comprato una volta, ho fatto due sorsi e poi ho sputato tutto per terra e ho regalato la bottiglia al primo bambino negro che passava di là. mi ha ringraziato visibilmente felice

 No.4947

Sono interessato, continua, anche perché penso tu sia l'unico qui dentro con esperienze in Africa

 No.4948

>>4947
cosa vuoi sapere?

 No.4949

Altre storie

 No.4951

File: 1617317642650.jpg (83.98 KB, 635x449, saggio.jpg)

>>4946

Com'è ricca e bella la cultura africana, raccontaci ancora o saggio del Mozambo

 No.4955

Che bello, questo sarà il nostro futuro stile di vita :^)

 No.4956

File: 1617349788248.jpg (162.44 KB, 800x600, 30571592677_fa86fed2d5_c.jpg)

In tutti i villaggi è presente del pollame vario, galline, polli, galli.
I galli iniziano a cantare ininterrottamente intorno alle 5 del mattino. Verso mezzogiorno si tranquillizzano un po', ma comunque si sentono durante tutta la giornata.
I bambini e ragazzini di questi villaggi hanno difficoltà a rimanere svegli a scuola dal momento che durante la notte vengono svegliati continuamente dalle zanzare, e non appena il cielo inizia a colorarsi di rosa ecco che arriva il turno dei galli, nel caso non aveste capito è come se vivessero nel vostro soggiorno.
Mi hanno detto che questi giovani negraccini dormono circa 2-3 ore a notte, e infatti durante il giorno li vedi appisolati in situazioni e posti improbabili: appoggiati al tavolino di una strada trafficatissima o direttamente buttati per terra, a volte in piccoli branchi, sotto una palma.
Quando domandavo a qualche pezzo grosso della comunità come mai non si organizzassero mettendo tutto il pollame in un pollaio, che avrebbero potuto costruire poco distante dal villaggio (incrementando tra l'altro la produzione di carne e uova), sorridevano e alzavano le spalle. Ormai sono abituati così immagino, a non dormire la notte e a vivere nel frastuono continuo

In aggiunta a tutti questi fattori ambientali che disturbano il sonno, come se non bastasse ci sono altoparlanti disseminati per i villaggi e le città che suonano sirene ad altissimo volume, per svegliare i fedeli e farli pregare. Questi altoparlanti suonano durante tutta la giornata agli orari delle preghiere, e due volte ogni singola notte, alle 2 e alle 5 se non ricordo male. Si alzano tutti dai letti e pregano per 10-15 minuti insieme alla voce registrata dell'imam che recita l'as-salat

 No.4959

File: 1617351228666.gif (1.93 MB, 299x189, esergito.gif)

>>4956
>Quando domandavo a qualche pezzo grosso della comunità come mai non si organizzassero mettendo tutto il pollame in un pollaio, che avrebbero potuto costruire poco distante dal villaggio (incrementando tra l'altro la produzione di carne e uova), sorridevano e alzavano le spalle.
Probabilmente sapevano che prima o dopo sarebbe arrivato un blindato dell'Esergito che avrebbe sparato per sbaglio al pollaio distruggendolo. Vedi che non sono degli sprovveduti come credi?

 No.4961

>>4956
please altre storie, vi leggo avidamente

t.curiosone

 No.4962

>>4961
c'è qualcosa di particolare che vi interessa sapere?

 No.4964

>>4962
Per me va bene qualsiasi cosa. D'altronde qui è random

 No.4966

>>4964
mi sono rotto il cazzo, vado a farmi una sega

 No.4967

File: 1617360294458.png (7.31 KB, 240x135, ClipboardImage.png)

>>4966
Ma non puoi comprartela come fanno tutti?

 No.4973

File: 1617366228363.jpg (151.79 KB, 960x720, 247899963.jpg)

Una volta che avevo due giorni liberi avevo deciso di prendere la bici e andare verso sud a visitare dei posti. Ero partito la mattina presto alle 5 per evitare il sole, che dalle 9 comincia a pulsare fino alle 4 del pomeriggio ed è qualcosa anche i negri se possono evitano. Il primo giorno dopo una quindicina di chilometri si era fatto tardi, perché a quelle latitudini alle 17 e qualcosa comincia a tramontare. E' così tutto l'anno.
Ho deciso di fermarmi a dormire nel villaggio dove mi trovavo e ho parlato con un ragazzo spiegandogli la situazione. Gli ho offerto che avrei fatto la spesa per lui e la famiglia in cambio di un posto per dormire quella notte e lui ha accettato.
Tornando dall'alimentari con la spesa mi ha mostrato dove avrei dormito: un materasso sudicio buttato per terra, letteralmente terriccio, in una stanza con una gabbia con dentro un gallo da combattimento, che a quanto mi diceva il negraccio era anche parecchio forte ed era in vetta alle classifiche del campionato. Era una delle catapecchie più belle in tutto il quartiere. Gli dico che va bene dormire là.

Su una parete c'era un termitaio gigante in piena attivita, e sugli angoli del soffitto c'erano ragnatele con intere colonie di ragni col corpo grosso come un un pad nel N64. Mi ha detto che li tengono per le zanzare e comunque non sono aggressivi o velenosi. Effettivamente li controllavo ed erano praticamente sempre immobili nella stessa posizione.
Mi offrono la cena, riso + pezzi e frattaglie di pesce o roba di mare. Ovviamente si mangia tutta con le mani da un piatto grosso centrale… che almeno vabè non è un trogolo per maiali; da bere un distillato locale dalla gradazione indefinibile ma sicuramente sopra il 50% che odora di cherosene non raffinato. Praticamente vado in blackout dopo un paio d'ore e riesco a dormire nonostante il gallo e i ragni. Mi sveglio alle 8 e qualcosa, saluto la famiglia, gli lascio 2-3€ di bonus per il veleno offertomi la sera prima, vado a farmi un bagno per riprendermi e poi colazione

 No.4975

>>4973
com'è che sti qua vedono un bianco in bici e gli offrono da dormire cosi in tutta tranquillità?

 No.4976

>>4975
mzungu = cash

 No.4980

File: 1617377805815.jpg (494.9 KB, 800x719, cef65fb88d62c7e2e923ebd876….jpg)

>>4975
Perché mal che vada gli fottono la bici

 No.4985

https://www.milanotoday.it/cronaca/bici-rubata-rider-rissa-monumentale.html

Quando capirà, l'uomi bianco, che non può competere?

 No.5045

>>4948
I gatti sono belli e amichevoli?



[Post a Reply]
Elimina post [ ]

[Nuova risposta]
Vai in cima ] [ Torna ] [ Catalogo ]