/b/ - Random

Nome
Email
Messaggio
File
Password (Per rimozione del file)
Limiti: Caratteri: 7200
Numero massimo file: 10
Upload massimo supportato: 20MB
Lunghezza massima video: 5 minuti

Vai in fondo ] [ Torna ] [ Catalogo ]  — 


File: 1663841308541.jpg (124.3 KB, 1080x1440, La divina MG.jpg)

 No.17708

>QUANDO NON MORIVO
Già il titolo implica che sei una gattara depressina decadente del cazzo

>E intanto fuori c'era l'autunno

Perché il fottutissimo calendario dice che oggi è il 22 settembre e convenzionalmente siamo in autunno

>Non lo sapevo prima. C'era

E si vede che sei un'obesa permacamerettata col climatizzatore acceso 24/365 e che non guarda nemmeno orologi e calendari

>In ogni foglia, nell'aria, nella luce.

Tutte robe che hai visto solo sul display del PC e del cellulare

>C'era

Ok, abbiamo capito che per sentirti importante devi ripetere autisticamente CERA CERA CERA, ma va' a caghér

>E io l'avevo lasciato solo, non lo avevo sorretto, non ammirato

Stiamo parlando dell'autunno o del tuo ex?

>non ero stata sbalordita dai gialli e dai rossi che infiammava

Cazzo significano i Gialli e i Rossi con l'infiammazione? Hai parlato solo delle foglie, stai facendo astrazione di merda che sta solo nella tua testa. Giallo pisciazza e rosso di psoriasi e infiammazione

>O dall'albero quando sta come nudo

Col pisellone de fora

>con veste di foglie garbata caduta ai suoi piedi

Ed infatti gli è rimasto il pisellone de fora

>Incredulo, l'albero - attonito pudico

Come se l'albero si vergognasse del suo ciclo naturale foglie/perdita foglie/nuove foglie. Ma che cazzo stai a dì, cosa cazzo vuoi rappresentà

>Non lo avevo guardato

Ora è tutto chiaro: hai praticamente parlato del tuo ex, lo hai modellizzato in un albero ma col pisello de fora, e per orgoglio dici pure che non lo hai guardato, come una che voleva fare sesso col suo ex ma poi all'ultimo momento lo manda in bianco e lo molla.
E lui col pisellone de fora che secondo te dovrebbe vergognarsi.
Ma và a caghèr

>E adesso dalla finestra chiamava - l'autunno - col suo mesto sorriso

Stai dicendo che il tuo ex si è rifatto vivo e che tu invece di ghostarlo stai godendo perché lo vedi mesto e intristito, con un finto sorriso, e tu godi perché è lui ad aver cercato te, quindi sei tu che comandi.
E lui sta fuori dalla finestra a mendicare le tue attenzioni, povero disperato, tu ridi e godi della sua umiliazione

>e di nuovo io sorprendevo, adoravo

Adoravi 'sta ceppa, sorprendevi 'sta minchia. Lo hai sorpreso perché si aspettava di essere ghostato, e adoravi la sensazione di superiorità dell'essere tu a concedergli un minimo di attenzione, tanto fra 5 minuti lo ghosti di nuovo e per sempre

>Benvenuto a te che fai del morire un'epopea di colori

Che strunzata.
Morire = epopea di colori? Allora crepa, ma con l'ammorbidente Dixan salvacolore, mica col Dash in polvere.

TLDR: questa "poesia" del cazzo:
- rappresenta una gattara depressa
- che vede un suo ex disperato rifarsi vivo
- che gode per l'essere "quella che comanda"
- e che lo ghosta comunque, per poi tornare nella sua deprimente vita.
Letteralmente: ma vaffanculo, và!

 No.17714

>>17708
può essere che il suo ex le ha mandato una dickpic e lei lo ha ghostato uguale?

 No.17726

File: 1663887669767.jpg (339.55 KB, 1467x1059, COSMICO MISTERIOSO UNISCE.jpg)

"Amore". Che parola inflazionata. Uno dei drammi della società moderna è aver svuotato di significato le parole fondamentali come "amore".

Allora, sentiamo questa Poetica Definizione dell'Amore: "un movimento cosmico misterioso che unisce". CHE STRUNZATA.

Movimento cosmico: in che senso? Gravitazione universale? Elettromagnetismo? Interazione debole? Grand Unified Theory della Fisica? Ma andate a cagare. Solo per aver associato "amore" a "cosmo", dovevate già andare a cagare per direttissima.

Ma è un movimento misterioso, poffarbacco e perdindirindina! Qualcosa nel cosmo si muove "misteriosamente", e magicamente cosa succede? "Unisce". Cosa e chi? I due innamorati?

Bisogna essere degli undicenni rincoglioniti per pensare che accostare grossi paroloni di cui non si possiede il significato produca automagicamente poesia. E che poesia, ragazzi: "l'amore è un Misterioso Movimento Cosmico che -per Giove, per cento pipe, per mille tamburi, per tutti i baffi della mia famiglia!- unisce.

Ma va' a caghèr, letteralmente, visto che la merda che hai dentro ha esondato fino a raggiungerti le cervella (e trovando tanto spazio libero - un vuotismo spettacoloso - lo ha invaso tutto).

 No.17742

>>17726
Il degrado delle ultime generazioni si vede anche da quanta foga impiegano nel condividere merdate come quella scritta, costruite mischiando insieme tre o quattro concetti astratti completamente slegati fra loro, e pretendendo di fingere di avervi trovato chissà che significato. Un harrypotterismo imbecille, spesso performato persino dai boomer, segno di una fede tornata al paganesimo.

 No.17915

File: 1664274937968.png (137.18 KB, 743x543, ClipboardImage.png)

>Non ha niente di speciale questo amore
Ok ma allora perché ci scrivi una poesia sopra?

>Nessun Dio lo ha voluto, nessuna stella lo ha generato

Come fai a sapere che nessun Dio ha voluto (o almeno permesso) questo amore? Se "nessun Dio" lo ha voluto, stai insinuando che è roba che viene dal demonio? Cominciamo bene!

E che cazzo significa che le stelle generano amore? Le stelle sono corpi celesti sparpagliati là sopra nel firmamento a causa delle leggi della fisica e delle costanti fondamentali dell'universo. Possono generare fenomeni elettromagnetici (inclusa luce), gravitazionali, termodinamici, ma non generano amore fra due random abitanti del pianeta Terra. Al massimo uno di voi due si ispira ad una random stella per immaginare che il proprio sentimento sarebbe "ispirato" da qualcosa di luminoso e lontanissimo, ma le stelle visibili ad occhio nudo sono circa seimila, quindi per ogni stella visibile esiste statisticamente più di un milione di persone che vi si ispira.

>Se lei fosse venuta, io non sarei qui

>Se lui avesse voluto, ti avrei dimenticato
Formulette astratte di un decadentismo borghesotto dalla pancia piena. Fanno letteralmente cagare perché fino a questo punto l'unica cosa concreta era la stella.
L'autrice di questa "poesia" parla chiaramente di sé stessa. Ma tutta quest'astrazione è sintomo di un disagio che non sa descrivere.

>Non ha nulla di speciale questo amore

E allora che cazzo ne parla a fare?

>Non ha sconfitto Draghi

"Draghi" serve per attirare l'attenzione del lettore.
Aggiungere "sconfitto Draghi" è per risvegliare il lettore che già stava dormendo.
E magari la "D" maiuscola era solo dell'autocorrettore.
È come quando si infila una femmina seminuda nella pubblicità di prodotti che non hanno un target femminile.

>Non è stato travolto dalla passione

Cioè la femmina poetessa si lamenta di non aver trombato.
Non che la femmina poetessa volesse trombare.
Si era preparata a trombare (bidet) perché sperava di far diventare "relazione" ciò che non lo era.
"Ehi sono disposta a trombare, però se lo facciamo significa che siamo fidanzati, sei d'accordo?" "No." [inserire meme Chad]

>Non ci ha tolto il fiato

Cioè lui non ti ha proprio cagato.

>Non profuma di destino

Cioè lui non voleva spendere soldi per te.

>Ce lo siamo trovato per caso fra le mani in una sera d estate e non lo aspettavamo e non lo speravamo

Cioè tu hai visto che lui era carico di soldi, hai tentato un semi-flirting ambiguo e non impegnativo, ma lui non ha abboccato all'esca. Mica fesso.

>È un amore piccolo, ridicolo, fragile

Cioè esiste solo nella tua testa. Lui proprio non se ne è nemmeno accorto che tu gli scodinzolavi attorno.

>Lo portiamo fra le pieghe della vita come certe foglie secche custodite nelle pagine dei libri

Cioè lui si è dimenticato di te ancor prima che scoccasse la mezzanotte.
E quindi ti resta solo l'amaro ricordino di non aver quagliato.

>Sa di gesti quotidiani, di pasta con la zucca, di acqua gassata, non conosce neppure il pranzo della domenica

Tutto quel che potevi offrire, a parte trombare, era invitarlo a pranzo a casa, dove il massimo che sai cucinare è pasta con la zucca, niente di costoso, niente vini, basta l'acqua da 26 centesimi a bottiglia.
Aspiravi alla sua reggia, già pagata, senza mutuo né affitto, e già con la cameriera che fa le pulizie e cucina, eh?

>A volte lo guardo e penso che è troppo fragile, che non ho nulla da fare per lui

La "fragilità" di lui consiste nel… non abboccare a una femmina di seconda mano.
Il non poter fare nulla per lui consiste nel fatto che lui è ricco e tu no.

>Che è un caso, che non so come proteggerlo

Ma guarda, tiri fuori pure il complesso da crocerossina, e lui continua a non cagarti.

>Ed è lui che mi prende per mano, questo amore che non ha nulla di speciale e mi conduce lentamente su sentieri che mai avrei immaginato di percorrere.

Ti ha preso per mano solo nei tuoi sogni.
Devi rassegnarti, non si è nemmeno accorto di te, è abituato a veder femmine insignificanti scodinzolargli attorno tutte speranzose, e che quando vengono ignorate pensano "ma costui è gay!", ma lo pensano solo per vendicarsi.

Non è un amore. Non lo è mai stato. Le stelle non c'entrano una mazza. Lui ti ha ignorato, così come ignora tutte le femmine che non siano della sua casta piuttosto elevata.
È ricco, può trombare a piacere donne molto più belle di te, e se paga abbastanza bene gli preparano pure squisiti pranzetti lussuosi annaffiati da vino super costoso.
Tu puoi offrire solo una patata decrepita e usata, e una pasta alla zucca con acqua minerale da supermercato.


TLDR: ciao ciao, Cenerentola, il principe era già fidanzato, andare al gran ballo vestita da troione da combattimento non ti è servito a una mazza, vivrà benissimo e felicissimo senza la tua pasta alla zucca.

 No.17918 RABBIA!

>>17915
>L'arte della poesia è principalmente scatenare stati d'animo e modellare una immagine tramite meno parole possibili, come nella musica qualcuno potrà sempre rapportarsi ad un amore che non ha nulla di speciale (ma che in realtà, come scritto nella pic, quel poco potrebbe essere speciale).

>Nessun Dio lo ha voluto, nessuna

stella lo ha generato
è un modo per sminuirlo, sempre per i motivi di cui sopra (e di cui sotto per tutti i tuoi greentext, al di là dell'abilità di chi l'ha scritta)

 No.18016

se non fai rima non stai facendo poesia, ti senti una cima ma sei solo un paria della scrittura, una iattura su amici e parenti che già costretti ad una vita dura devono pure fingersi felici e attenti quando in libreria presenti la tua raccolta di deliri stampata da una tipografia che si finge editore.

 No.18017

>>17915
In seguito a questo commento, è comparso un articolo sul Galantuomo Dissacrante:

https://ilgalantuomodissacrante.wordpress.com/2022/09/28/schegge-9-le-scarpe-di-cenerentola/

 No.18036 RABBIA!

>>18016
Quindi Ungaretti, D'Annunzio, Montale e Pirandello erano dei coglioni, insomma

 No.18048

>>18036
D'Annunzio sappiamo che era esaltato, rinuncio quindi a criticarlo perché solo un perdente può restarne "abbagliato". Le poesie di Ungaretti le accetti perché le ha scritte mentre rischiava di essere sparato in trincea. Pirandello e Montale, uno lo ricordi per il libro sulla maschera sociale e l'altro almeno è stato liberale. Però l'idea resta che comporre poesie è un po' da saputello e la musicalità è richiesta sennò non sono divertenti e per studiarle, o solo leggerle, devi stringere i denti.
E male che vada le quattro menti che hai citato le possiamo considerare eccezioni, di certo non ti costringevano a decomporti annoiato durante una presentazione in libreria o imbarazzato nel soggiorno della mamma come invece accade con la maggior parte di chi fa composizioni.
Meno poeti e più uomini d'azione e donne con le gambe aperte!

 No.18049

File: 1664481683904.jpg (1.11 MB, 1200x700, boy.jpg)

>>18036
Esatto!
Ma non solo loro.

 No.18050

>>18049
Il talento del poeta è quello di far percepire bellezze e significati a cui le persone normali, anche colte, non sanno dare un nome o definirne i contorni. Si dice che l'artista (e quindi anche il vero letterato, e il vero poeta) sia capace di trasmetterti bellezza e significato anche suo malgrado.

Invece grandissima parte degli esponenti della letteratura e poesia italiane è fatta di gente che ha prodotto testi e poesie in italiano buoni solo per essere studiati, analizzati, commentati, ma che alla fine della fiera non ti lasciano niente. E quindi Dante è un poeta, ma Montale che meriggia pallido e assorto fa letteralmente cagare.

"Letteratura sono i libri che vuoi davvero rileggere", si diceva una volta.

 No.18051

>>18050
Tarapìa tapiòco! Prematurata la supercazzola, o scherziamo?
No, mi permetta. No, io… scusi, noi siamo in quattro… come se fosse antani anche per lei soltanto in due, oppure in quattro anche scribài con cofandina? Come antifurto, per esempio?
Ma no, aspetti, mi porga l'indice. Ecco, lo alzi così, guardi, guardi, guardi… lo vede il dito? Lo vede che stuzzica? E prematura anche! Ma allora io le potrei dire, anche con il rispetto per l'autorità, che anche soltanto le due cose come vicesindaco, capisce?
Senza contare che la supercazzola prematurata ha perso i contatti col tarapìa tapiòco!



[Post a Reply]
Elimina post [ ]

[Nuova risposta]
Vai in cima ] [ Torna ] [ Catalogo ]